La Befana vien di notte

2018, Commedia

Recensione La befana vien di notte: poca magia in fondo alla calza

La recensione di La befana vien di notte, film di Michele Soavi che vede Paola Cortellesi Befana in incognito: di giorno, infatti, è bella e innamorata e fa l'insegnante...

Befana Vien Di Notte Paola Cortellesi

È diventata, da qualche anno, regina del box office nostrano, la protagonista del film La Befana vien di notte Paola Cortellesi, che adesso attendiamo al varco della sfida delle Feste, tra commedie di tutte le taglie e blockbuster disneyani, con un ruolo perfetto per l'occasione. Nella nostra recensione di La Befana vien di notte, scriviamo subito che fascino, intelligenza, simpatia e versatilità, tutte qualità di cui Paola Cortellesi è generosamente dotata, sono caratteristiche vitali per affrontare un ruolo inedito come quello pensato per lei da Nicola Guaglianone: la Befana bifronte.

La Befana Vien Di Notte 16

La Befana si chiama Paola, e dalle otto del mattino fino alla mezzanotte è una graziosa insegnante che lavora nell'idilliaca e innevata Val di Lana. Nella notte avviene la trasformazione, preferibilmente lontano dal letto del fidanzato devoto, il maestro Giacomo (Fausto Maria Sciarappa): la dolce Paola si trasforma in una strega bonaria, carica di secoli e di naso telescopico, un po' grammar-nazi, e incessantemente impegnata a leggere i messaggi dei bambini e a prepararsi per le numerose consegne della notte dell'Epifania.

Leggi anche: i 15 film per il Natale 2018

Una trama con al centro sei piccoli detective in bici

La Befana Vien Di Notte 2

A parte il problema pratico di non potersi mostrare di notte all'amato, c'è un'altra ombra nella vita della Bi-fana. Molti anni prima ha inavvertitamente avuto un ruolo nei traumi infantili di un bambino che nel frattempo è cresciuto, ed è diventato Mr. Johnny (Stefano Fresi), un potente giocattolaio senza scrupoli, che ha un piano per far pagare tutte le sue soffernze e frustrazioni proprio all'energica vecchina volante.

Per fortuna di Paola/ Befana, uno dei suoi alunni, e per la precisione il più delicato e sensibile ai suoi preziosi precetti, assiste al rapimento e recluta una piccola, multietnica compagnia di minorenni per una estemporanea missione di salvataggio. C'è la bambina di colore nata a Cinisello Balsamo, il bambino grasso che fa il verso a Chunk dei Goonies, la bambina ricca e viziata ma col cuore grande e persino il bulletto bieco, razzista e maschilista che era la cosa più coraggiosa dell'intero progetto ma, tranquilli, si redimerà.

La Befana Vien Di Notte 10

La missione è abbastanza sgangherata ed esporrà i ragazzini, oltre che a un bel po' di magia e ad avventure elaborate nell'immaginazione fortemente visiva di Michele Soavi, anche a rischi di danni fisici abbastanza inediti per una commedia natalizia, perché Mr. Johnny, pur avendo trascorsi simili e un look altrettanto colorato, non è il Grinch di Dr. Seuss, è veramente infame e il suo odio nei confronti della Befana non si ferma davanti a nulla.

Leggi anche: 6 cult natalizi che non si possono non conoscere

La favola di cartapesta

La Befana Vien Di Notte 3

Peccato che tanta cattiveria non faccia mai nessuna paura, che la magia sia di plastica dozzinale, e che, nonostante la buona presenza scenica di qualcuno dei bambini, l'avventura non spicchi il volo nemmeno per il tempo di una strizzata d'occhio a un classico anni '80 (e ce ne sono molte). La scrittura di Guaglianone, a cui non mancano mai spunti intelligenti, è priva di autentico interesse nei confronti dei suoi personaggi e del suo contesto; Soavi fatica a trarne la necessaria ispirazione, finendo per scivolare sui suoi scenari pittoreschi e per seguire stancamente un racconto privo di vita e di logica narrativa.

La Befana Vien Di Notte 14

La befana vien di notte può vantare una certa cura formale ed estetica sotto il profilo della realizzazione e una protagonista amabile come Paola Cortellesi, che conserva la sua personalità esuberante anche sotto il trucco pesante da vecchia strega, e poco altro. L'idea di coniugare la tradizione popolare italiana con un certo immaginario cinematografico ha del potenziale sulla carta, ma questa sua manifestazione è così deludente da farci dubitare persino delle premesse. Speravamo francamente di trovare, in questa calza natalizia di Lucky Red, qualcosa di meno opaco e frigido.

Recensione La befana vien di notte: poca magia in...
Alessia Starace
Redattore
2.0 2.0
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

30 anni di Lucky Red, Occhipinti cala gli assi: un fantasy con la Cortellesi, Farhadi e il film su Cucchi
I 15 film di Natale 2018 più attesi al cinema